Seo per WordPress



Seo WordPressIo adoro WordPress. E in questa pagina voglio descrivere esattamente come installare WordPress da un punto di vista Seo. WordPress infatti mi consente di attivare e pubblicare un sito ottimizzato per i motori di ricerca anche nell’arco di una sola giornata.

Certamente non sono l’unico a pensarla così, ogni giorno centinaia di migliaia di siti vengono pubblicati sfruttando questa meravigliosa piattaforma, che tra l’altro, è tradotta perfettamente anche in italiano. Tuttavia, da un punto di vista Seo, WordPress non è pronto all’uso una volta installato, infatti è necessario effettuare delle semplici customizzazioni per renderlo davvero efficace.

Seo WordPress

Una volta capito come installare WordPress, procedura che viene trattata nella seconda parte di questa pagina, possiamo tranquillamente iniziare la sua personalizzazione secondo le necessità individuali. Tuttavia, per quanto mi riguarda, faccio alcune configurazioni tipiche che replico esattamente per tutti i siti che realizzo.

Meta Tag: Cominciamo con la personalizzazione dei meta tag (tag title, description e keywords). Sebbene con il tempo abbiano perso la loro importanza, questi tag rimangono tra i fattori di ottimizzazione più importanti. Con il tag title e con il tag description diciamo ai motori di ricerca di cosa esattamente si occupa la pagina creata. E Google memorizza queste informazioni per poi riproporle, con alcune eccezioni, nei propri risultati.

Detto questo, WordPress di default utilizza un sistema per generare questi tag non ideale per i motori di ricerca. Per questo motivo vi consiglio di installare questo plugin All in One SEO Pack. Esso da una parte automatizza il nostro lavoro, dall’altra ci consente di personalizzare a nostro piacimento ogni singola pagina. Ad esempio, cliccando su All in One SEO e poi su General Settings, è possibile inserire il contenuto di questi tre tag per la home page (FIG1)

FIG1: personalizzazione dei metatag con WordPress

FIG1: personalizzazione dei metatag con WordPress

Ad oggi, le parole chiave inserite nel campo keywords, sono generalmente ignorate dai motori di ricerca. Tuttavia non mi costa nulla inserirle comunque. E questo è quello che faccio generalmente. I termini Blog Seo e Web Marketing sono le principali parole chiave con le quali vorrei far apparire il mio sito in cima ai motori di ricerca.

Title Settings: sempre dalla pagina General Settings, un’altra configurazione importante da personalizzare riguarda il modo in cui verranno generati i tag title e description dell pagine che verranno realizzate. In particolare, come da FIG2, solitamente faccio le seguenti personalizzazioni.

  • Page Title Format: %page_title%
  • Post Title Format: %post_title%

Questo genere di impostazioni possono essere ulteriormente personalizzate nel caso abbiate esigenze specifiche.

FIG2: personalizzazione del title settings

FIG2: personalizzazione del title settings

Permalinks: i permalinks sono gli indirizzi (url) che WordPress genera in automatico. Ad esempio questa pagina ha come indirizzo http://www.seologico.it/?page_id=241. Tuttavia, questo genere di indirizzi sono [highlight]assolutamente un ostacolo[/highlight] alla sua indicizzazione da parte dei motori di ricerca. In realtà non è proprio così. Un indirizzo del genere viene comunque indicizzato da Google ma diciamo che, nella forma sopra indicata, è molto penalizzante.

E’ tutto un altro discorso se, invece del permalink originale, Google leggesse il link come questo http://www.seologico.it/seo-wordpress/

In questo secondo caso, la pagina avrà certamente un grosso vantaggio da un punto di vista della sua indicizzazione.

Per ottenere questo tipo di indirizzi, dalla dashboard di WordPress si deve selezionare il menu Permalinks che si trova nella sezione Impostazioni.

Una volta sulla sezione dedicata ai permalinks, sarà sufficiente impostare le opzioni nel modo indicato in FIG4. Cioè bisogna selezionare l’opzione Nome articolo. Tutto qua.

FIG3: personalizzazione dei permalinks

FIG3: personalizzazione dei permalinks

Impostazioni discussione: in questa pagina, che si visualizza cliccando IMPOSTAZIONI e poi su DISCUSSIONI, molte opzioni sono attive di default già alla prima installazione di WordPress. Tuttavia, nel caso in cui si siano disattivate per qualsiasi motivo, il consiglio è quello di selezionare quelle indicate nella FIG4.

FIG4: pingback e trackback

FIG4: pingback e trackback

Questo è il significato delle due opzioni:

Tentare di notificare tutti i blog che hanno un link nell’articolo – Selezionando questa opzione, WordPress invierà una segnalazione ai siti o agli articoli che hai linkato nel tuo contenuto.

Consenti notifica link da altri blog (pingback e trackback) – Selezionando questa opzione, WordPress accetta o declina le segnalazioni da altri siti o blog che hanno unserito un link diretto al tuo sito. Se questa opzione è abilitata, i pingback o i trackback appariranno nei commenti.

Visibilità Motori di Ricerca: questa è l’opzione più importante ma anche la più sottovalutata. Durante l’installazione di WordPress, l’applicazione ci chiede espressamente se vogliamo rendere subito visibile il sito ai motori di ricerca. Inizialmente non attivavo questa impostazione perché il sito era ancora tutto da sviluppare. Tuttavia, qualche volta, mi capitava di dimenticare di attivare l’opzione una volta costruito il sito e quindi rendendoli invisibile ai motori di ricerca.

Ora, tolgo la spunta all’opzione nel caso fosse presente. Questa opzione è raggiungibile attraverso il menu IMPOSTAZIONI e poi LETTURA (FIG5)

FIG5: opzione per rendere il sito visibile ai motori di ricerca

FIG5: opzione per rendere il sito visibile ai motori di ricerca

Per finire, durante la configurazione di WordPress scelgo altri due plugin che mi servono uno per creare una Sitemap, l’altro per consentire ai visitatori di condividere il contenuto sui social network (Facebook, Twitter, Google + ed altri).

Non avendo dei plugin preferiti, potete trovare quelli che meglio corrispondono alle vostre esigenze e ai vostri gusti, facendo una ricerca nella sezione plugin con i termini sitemap e social buttons.

Come installare WordPress

Per installare WordPress sul proprio dominio, abbiamo innanzitutto bisogno di uno spazio web che comprenda un database mysql. Senza database, il nostro viaggio sarebbe già al capolinea…. Tutti i principali fornitori di spazio web includono almeno un database nei propri pacchetti. Il costo del servizio può variare da poche decine di euro, fino a qualche centinaia. In questo articolo vi dico come poter avere un dominio del tipo www.nomedominio.com spendendo meno di 10 euro l’anno. Adesso vi spiego come….

[sociallocker id=”408″]Per registrare il vostro dominio potete rivolgervi a WebHosting.it e acquistare la formula spazio web gratis. Con soli 9 euro l’anno (più iva) potete attivare velocemente il servizio. La formula non prevede un database, ma siccome avrete il completo controllo dei dns, potrete puntare il vostro dominio verso uno dei provider che vi sto per indicare. Questi provider vi danno la possibilità di avere il vostro database mysql e di ospitare un dominio già registrando a costo zero.

Ho testato con successo alcuni provider che vi raccomando. Sono 7 ottimi provider a costo zero ottimi per ospitare il proprio sito gratuitamente. Il servizio offerto non prevede banner o link. Siete liberi di utilizzare lo spazio nel modo che preferite. Per conoscere il nome dei provider, leggi quanto segue.

HostingerFreehostingnoadsBiz.htboxhost.meAwardspaceHeliohostHost-ed[/sociallocker]

Molti dei provider indicati sopra, consentono l’installazione di WordPress direttamente dal pannello che vi verrà messo a disposizione. Altrimenti potete procedere manualmente nel modo che vado a descrivere:

  1. Scaricate l’ultima versione di WordPress in italiano direttamente da questo link
  2. Scompattate il file zip scaricato sul desktop del vostro pc
  3. Aprite la vostra connessione ftp con il vostro dominio e trasferite il contenuto della cartella wordpress dentro la cartella di root
  4. Create il database dal pannello di controllo (memorizzate nome del database, username e password)
  5. Collegatevi con il vostro dominio (tipo www.nomedominio.com) e seguite le istruzioni che compariranno sul video

Il vostro sito in WordPress sarà quasi pronto per cominciare a ricevere visite. Ovviamente, prima di pubblicare i contenuti sarà necessario ottimizzare WordPress da un punto di vista Seo

Per ottimizzare un sito web non bisogna per forza utilizzare WordPress. E per questo motivo, sebbene questo ed altri CMS, possano aiutare, potete far riferimento a questa pagina per capire quali sono le tecniche più utilizzate per procedere.

 

3 Comment

  1. Io sto utilizzando Yoast WordPress SEO. E’ un buon plugin?

  2. Ciao!
    personalmente credo che ad oggi seo by yoast sia il plugin migliore per fare SEO, l’unico difetto che posso riscontrare è che certi fanno troppa affidabilità sui “semafori” che indicano quanto la pagina sia seo friendly, specie i neofiti.

Leave a Comment

Primo su Google!
Inserisci il tuo indirizzo per ricevere il Corso Seo gratis.

Fallo subito. Inserisci il tuo indirizzo email e clicca su Iscriviti Ora!

Io odio lo spam!