Comunità online: socializza con i tuoi lettori e crea fiducia

Comunità online: socializza con i tuoi lettori e crea fiducia

Lo sapevi che oltre il 60% delle cose che ci raccontiamo quotidianamente sono delle storie?

E lo sapevi che questo è vero sin da quando l’uomo ha sviluppato il proprio linguaggio?

Ora ti starai chiedendo: cosa centro tutto questo con la mia attività sul web?

C’entra eccome.

Per creare una comunità online, socializzare e creare fiducia nel lettore devi raccontare una storia: la tua!

Ricordati che ognuno di noi ha alle proprie spalle una storia, ma la tua è una storia speciale.

Raccontala e spiega in parole semplici perché è unica. I tuoi visitatori lo apprezzeranno.

In questi giorni, quello di cui ti devi preoccupare è quanto sei in grado di coinvolgere i tuoi visitatori e non essere concentrato solamente sulle visite del tuo sito o sul numero di pagine visualizzate.

Ciò significa che devi essere capace di fornire al visitatore gli strumenti per interagire con te e con quello che racconti.

Costruire una comunità online non è una cosa semplice, come non facile socializzare e creare fiducia in chi sei e in cosa fai.

In questo articolo, voglio parlarti di quella che è la mia esperienza e di ciò che mi ha permesso di creare una comunità, seppur piccola, intorno a SeoLogico.it e come sono riuscito a socializzare con gran parte di essa.

Perché è importante costruire un comunità intorno la tuo brand?

Qualsiasi sia il tuo settore di mercato (nicchia), è sicuro che tu ti debba confrontare con la concorrenza.

Non importa come, ma sicuramente quello che dovrai fare è lottare per attirare l’attenzione dei tuoi potenziali clienti.

E questo rappresenta la sfida che dovrai affrontare.

Il tuo sito è stato costruito con un obiettivo: attrarre nuovi clienti, vendere dei prodotti oppure promuovere un servizio.

Il punto è che quando un nuovo visitatore arriva sul tuo sito, è necessario che esso interagisca con esso.

Se se ne va senza che abbiano intrapreso alcune specifiche azioni (di cui parlerò tra poco), avrai buttato al vento un’occasione.

Quello che conta veramente è come e quanto i visitatori interagiscono con il tuo sito.

Quanto rimangono sul sito? Abbastanza in tempo per interagire con esso?

Se la risposta è no, allora non sarà possibile costruire una audience, poi una comunità ed in fine un sito web di successo.

Nel prosieguo di questo articolo, racconto alcuni degli espedienti che uso per aumentare l’interazione degli utenti con il mio sito e con alcuni dei miei canali sociali, come ad esempio YouTube.

Differenza fra visitatori e comunità

Prima di pensare a come creare una comunità è meglio chiarire una cosa.

Quale è la differenza tra i visitatori che passano dal tuo sito e una comunità vera e propria?

I visitatori sono un gruppo di persone che arrivano sul sito, leggono i suoi contenuti e, nei casi migliori, decidono pure di acquistare ma non interagiscono con te in modo diretto.

Una comunità invece è formata da un gruppo di persone che non solo leggono i tuoi contenuti e acquistano i tuoi prodotti, ma sono quelle persone che interagiscono anche attraverso i social media, parlano con te al telefono e ti fanno domande via email oppure attraversi i commenti.

Perché l’ideale è avere una comunità piuttosto che solamente un gruppo di visitatori che non interagiscono?

Perché in questo ti permette di:

  • capire se la direzione che hai preso è quella gisuta
  • creare dei servizi che rispondono meglio alle esigenze dei tuoi potenziali clienti
  • crescere il tuo business e i tuoi guadagni

Le persone che fanno parte della tua comunità sono persone che credono in te e che sono disposti ad acqustare da te non solo una volta, ma in maniera continuativa.

Creare contenuto di qualità

Di come creare contenuto di qualità ne ho già parlato. Se vuoi approfondire clicca qui.

Non andrò a ripetere quindi quei concetti, ma invece parlerò di come usare quei tipi di contenuti, sia che si tratti di contenuti testuali, sia che si tratti di contenuti video.

A nessuno importa di quanti articoli pubblichi ogni settimana oppure ogni mese.

Privilegia la qualità alla quantità.

Se pensi che il tuo sito sarà più visibile di altri solo perché pubblichi più articoli di altri, ci sono molte possibilità che tu rimanga deluso.

Il contenuto è il re? Certo, purché venga fatto in un certo modo.

Il tipo di contenuto che coinvolge i lettori, che li fa tornare e interagire con il tuo sito ha alcune caratteristiche indispensabili.

Se pubblichi articoli che sono d’aiuto, che sono facili da leggere, allora sei sulla strada giusta.

Da dove comincio per socializzare con i lettori del mio sito?

Ovviamente, ci sono molti modi per farlo. Di seguito te ne descrivo alcuni, quelli che più ho utilizzato io.

Prima cosa: fornisci gli strumenti giusti

Se le visite sul tuo sito arrivano, vuol dire che hai capito come generare traffico e pubblicizzare il tuo sito su Internet. Ora metti i visitatori nelle condizioni di poter lasciare traccia del loro passaggio tramite ad esempio una sezione commenti, un forum oppure dove siano in grado di lasciare un loro feedback ed interagire con gli altri visitatori, oltre che con te.

Rendi chiaramente visibili i pulsanti per la condivisione dei tuoi contenuti, in modo da permettere loro di fare un po’ di marketing per conto tuo. Se il tuo contenuto è apprezzato, non dovrai chiedere di condividerlo, lo faranno di loro iniziativa.

Altri strumenti possono essere rappresentati da ebook da scaricare, da tool utili per il tuo specifico settore di mercato (io fornisco uno strumento che permette di conoscere il punteggio seo di un sito), usa una chat, fornisci una newsletter, ecc.

Di questi strumenti parlo in questo articolo, se vuoi approfondire clicca qui.

Crea una comunità e socializza al di fuori del tuo sito

Ebbene sì, non c’è solo il tuo sito per centrare questo obiettivo.

Internet è un luogo infinito di occasioni e strumenti. E siccome sono tutti gratuiti, perché non sfruttarli?

Però voglio essere sincero, più strumenti utilizzi, più tempo dovrai dedicare alla loro gestione.

E ti assicuro che non è semplice.

Anzi, sì.

E’ semplice, ma richiede tanto tempo.

E questo può rappresentare un problema.

L’ho sperimentato sulla mia pelle. Ho iniziato aprendo i profili per SeoLogico su Facebook, e poi su Twitter e pure su YouTube, ma poi ho dovuto mollare, era proprio faticoso mantenere tutto aggiornato ed interagire con tutti.

Come puoi vedere dai profili in questione (puoi cliccare sui rispettivi link appena forniti) i canali sono pressoché abbandonati.  Son stati comunque in grado di generare discreti numeri (niente di esaltante, per carità) in proporzione all’impegno profuso.

Soprattutto il canale aperto su YouTube, dove con soli 12 video caricati, sono stato in grado di generare oltre 1.700 iscritti e 135.000 visualizzazioni.

Per alcuni potrebbero essere cifre insignificanti, mentre per altri no.

Forse ora ti starai chiedendo: che consigli potrai mai dare se tu stesso dici che non hai ottenuto risultai esaltanti?

In realtà, ti dico che quei risultati sono stati ottenuti con il minimo sforzo e che quindi, mettendo in atto le strategie di cui sto per parlare in modo continuativo, i risultati sarebbero certamente potuti essere notevolmente migliori.

Il segreto in questo caso è solo uno: produrre contenuti costantemente.

Quali sono le strategie per creare comunità importanti su Facebook, Twitter è YouTube?

Allora, prima di entrare nei particolari, voglio fare una considerazione che reputo molto importante.

Mentre Facebook e Twitter sono social network che necessitano di essere presidiate, YouTube è qualcosa di diverso.

Un canale su YouTube, se impostato nel modo corretto, può dare ottime soddisfazioni anche senza una presenza continua e anche senza una produzione di contenuti (in questo caso video) ripetitiva e costante.

E questo è un valore aggiunto che le altre piattaforme, limitatamente alla mia esperienza, non hanno.

Per dimostrati quanto sto dicendo allego lo screenshot che segue:

chat-facebook

Come vedi, addirittura 2 anni dopo aver pubblicato il mio video corso seo su YouTube c’è chi si ricorda di me e di SeoLogico.

Vuoi altre prove di quello che dico? Allora guarda quest’altra immagine:

commenti-youtube

Una bella soddisfazione!

Per completare la mia considerazione, se dovessi ripartire da zero, farei una scelta diversa.

Considerando che se sei da solo, mantenere attivi diversi profili sociali è davvero complicato, sceglierei solo e soltanto un canale social.

Nel mio caso YouTube, ovvio.

Quindi, prima di attivare 10 profili sociali, fai un respiro, pensa a quanto tempo hai a disposizione e scegli uno, due o più canali che credi di poter gestire nel modo corretto.

Questo dipenderà dalla natura del tuo business, cosa che conosci solo tu.

4 modi per creare una comunità sui social?

Nella prima parte di questo articolo ho parlato come coinvolgere i visitatori del sito e coinvolgerli intorno al tuo brand. Poi ho descritto brevemente quelle che sono state le mie esperienze attraverso i social.

Ora parlo di quali sono le strategie generali per costruire una comunità sui social qualsiasi sia la piattaforma che sceglierai.

Strategia n1: trova i tuoi sostenitori

Che tu lo creda oppure no, nel momento che attivi un profilo sciliale diventi gioco forza un community manager.

Sta a te poi stabilire il tempo che vuoi dedicare a questo ruolo.

Ma l’obiettivo di questo ruolo è chiaro: devi preoccuparti di trovare nuovi membri e mantenere alta l’attenzione e il coinvolgimento di coloro che già ne fanno parte.

Tutti i membri della tua comunità hanno la potenzialità di diventare dei sostenitori attivi, cioè che facciano parte del lavoro per te.

Non è difficile, basta dargli solo un po’ di attenzione.

Molti dei tuoi sostenitori commenteranno, condivideranno e apprezzeranno i contenuti che andrai a pubblicare.

Tutto quello che dovrai fare è fargli capire che stai apprezzando le loro iniziative, rispondi ai loro commenti, ringraziali quando cliccano “mi piace” e fagli capire che sono sostenitori a cui tieni. Chiedi loro di continuare a seguirti e di invitare i loro amici.

Un approccio diretto è certamente impegnativo ma anche molto efficace.

Strategia n2: ascolta la loro voce

Costruire una comunità significa pubblicare dei contenuti che loro desiderano.

E il miglior modo per capire cosa vogliono i tuoi sostenitore è chiederglielo.

Il segreto anche qui è quello di produrre contenuti di qualità e non semplicemente dei contenuti

Quando è la tua comunità a parlare, ascolta e integra i contenuti previsti con quelli suggeriti direttamente da chi ti segue.

Il segreto di una comunità è quella di mettere i sostenitori al centro della tua strategia di marketing.

Rendi i tuoi sostenitori gli assoluti protagonisti dei tuoi canali sociali. Non ti limitare a cliccare mi piace sui loro commenti.

Quando vedranno il tuo reale interesse, si sentiranno ancor di più coinvolti e saranno maggiori le loro interazioni con te e con il tuo brand.

Strategia n3: sii trasparente

La prima cosa che un community manager deve fare è quello di essere trasparente su chi è e cosa fa.

Se non sei onesto sin dall’inizio, non sarai in grado di costruire nessuna relazione stabile e duratura.

Non credere che le persone che sono disposte a seguirti siano anche acritiche nei tuoi confronti, tutt’altro.

Le persone non amano essere prese in giro e stai sicuro che se questo accade, te ne accorgerai, e allora sarà troppo tardi.

Strategia n4: non farlo per vendere

Se c’è una cosa che ho imparato dalle mie passate esperienze è che non devi aprire dei profili sociali con l’obiettivo di vendere.

Resisti alla tentazione di promuovere in modo diretto i tuoi servizi. Più chiedi alla gente di acquistare, più la gente scapperà, stanne certo.

Come dicevo, dalla mia esperienza ho capito che se vuoi vendere attraverso i social devi cercare di non farlo.

Mi spiego.

Se attraverso i social farai capire che sei competente a proposito di qualcosa, allora saranno loro a venirti a cercare.

Mi capita ancora adesso di ricevere email o telefonate di persone che mi chiedono di ottimizzare i loro sito anche se sono anni che non pubblico più contenuti.

Per costruire una solida relazione con chi ti segui devi semplicemente condividere le tue esperienze.

Marketing Automatico

Moltiplica leads, clienti e profitti!

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la guida gratuita.